Giovedì 1 febbraio 2018

Per far ripartire il settore delle costruzioni è indispensabile industrializzarlo e puntare alla de-carbonizzazione.

L’obiettivo di REbuild, che negli ultimi anni ha lanciato a livello nazionale una riflessione sull’industrializzazione dell’edilizia, è di mettere a fuoco le ricadute di questo processo, tra cui la dimensione ambientale. Anche perchè l’Italia dovrà elaborare entro il 2018 un Piano Nazionale Clima ed Energia da presentare all’UE, nel quale l’edilizia può giocare un ruolo importante.

È acquisita la consapevolezza che lo sviluppo dei comparti dell’immobiliare e delle costruzioni, come dimostrano i requisiti green richiesti dai fondi immobiliari internazionali, passa per la convinta adesione ai nuovi obiettivi posti dalle agende nazionali e internazionali in tema ambientale. Non va, inoltre, dimenticato che dalla trasformazione del settore dipendono in larga misura non solo i numeri del nostro PIL, ma anche il successo della transizione a una economica de-carbonizzata.

“L'attenzione sull'efficienza energetica è sempre più elevata come ci ricorda la recente votazione del Parlamento europeo sull'innalzamento dal 30% al 35% del target al 2030 di riduzione dei consumi energetici rispetto allo scenario tendenziale.

Un ulteriore segnale che sottolinea la necessità di avviare modalità più incisive di riduzione dei consumi nell'edilizia”, ha affermato Gianni Silvestrini, direttore scientifico Kyoto Club e membro del Comitato Scientifico di REbuild.

Per questo REbuild prosegue il lavoro di ricerca delle esperienze italiane che stanno definendo la via dell’industrializzazione delle costruzioni in due direzioni: soluzioni capaci di massimizzare la riduzione di energia che approcci in grado di passare rapidamente ad una adozione su larga scala.

Grazie al confronto con la propria Community, selezionerà casi ed esperienze a scale diverse - dal retrofit di una singola abitazione al rinnovo di interi quartieri – e metterà a fuoco le trasformazioni delleattività di progettazione, di produzione e gestione del costruito.

 Per candidarsi alla Call for Speakers c’è tempo fino all’8 marzo

Partecipa anche tu al futuro dell'edilizia italiana.

9-10 MAGGIO 2023 | RIVA DEL GARDA

I PARTNER DEGLI EVENTI PASSATI Conosci chi ha scommesso sull'innovazione.

 
Logo Acer Bologna
Logo Arca
Logo ART
Logo Autodesk
Logo Autostrada del Brennero A22
Logo AXA
Logo Axians
Logo Bahaus
Logo Caparol
Logo Certimac
Logo Chateaux d_Ax Building
Logo Cisco
Logo Climaveneta
Logo Clivet
Logo Colliers
Logo Comisa
Logo Covivio
Logo Databooom
Logo Dolomiti Energia
Logo Ecocomunicazioni
Logo Ecoopera
Logo Edison
Logo E-home by Akhon
Logo Energy
Logo EP Warmflor
Logo Est Property Management
Logo Evolvea
Logo Fermacell
Logo Focchi
Logo Gronius
Logo H_A Associati
Logo Habitech
Logo Harley _ Dikkinson Finance
Logo Ideal Standard
Logo iGuzzini
Logo Internom
Logo Italsol
Logo MADE Expo
Logo Manni Energy
Logo Manni Group
Logo Mediocredito
Logo Mimosa Living
Logo Mitsubishi
Logo Natuna
Logo Nuove energie
Logo Nuvap
Logo OpenBuilding
Logo Patrimonio del Trentino
Logo Percassi
Logo Pessina
Logo Planet Smart Cities
Logo Promozione Acciaio
Logo PVB
Logo Quakebots
Logo R2M solution
Logo Rebuilding Network
Logo Riello
Logo Riwega
Logo R_S Engineering Padova
Logo Saint Gobin
Logo Schneider Electric
Logo Site Spa
Logo Solar-Center
Logo Solid Power
Logo Studio Parisi
Logo Timbergy
Logo Tassullo
Logo Tosoni
Logo Tubus System
Logo Unicredit
Logo Upsens
Logo Wolf Haus
Logo Woodbeton
Logo Zumtobel
Outlook

LA NOSTRA RIVISTA Outlook: le voci di tutti i protagonisti di REbuild.

Leggi ora
LA NOSTRA RIVISTA